Storia di un soldato

La vicenda narra di un soldato che, tornato a casa per una licenza, viene blandito dal diavolo il quale gli sottrae il violino in cambio di un libro capace di realizzare ogni suo desiderio. In tre giorni tutti i sui sogni si realizzano, ma al risveglio, tornato a casa, si rende conto che sono trascorsi  tre anni, sua moglie si è risposata e il suo posto nel focolare domestico è stato rimpiazzato. Ridiventato povero, il soldato riprende il cammino del profugo, giunge nel regno governato da un re la cui figlia malata sposerà chi sarà capace di guarirla. Con il suo violino, riconquistato al diavolo con uno stratagemma, seduce la principessa che, danzando un tango, un valzer e un ragtime, cade fra le sue braccia. Il tradizionale lieto fine viene tuttavia rovinato dal diavolo che reclama il violino e l’anima del soldato come stabilito dal patto.

Drammaturgia di Michelangelo Maria Zanghì, da Charles-Ferdinand Ramuz

Regia
Michelangelo Maria Zanghì
Con                                                                                                                               Simone Corso, Francesco Natoli, Cristiana Niccolò, Michelangelo Maria Zanghì   

Scena                                                                                                               Franco Zanghì                                               

Musiche                                                                                                           Chiara Pollicita

Assistente alla regia
Caterina Sfravara

Foto di scena
Nino Ferraro

Produzione
Compagnia Teatrale Santina Porcino